La Finale di The Ultimate Chococake Award IV edizione

La finale del Chococake Award IV edizione a cui ho partecipato ha visto sfidarsi 10 giovani pasticceri tra i 18 e 35 anni selezionati dopo una prima attenta valutazione tra più di 500 parteciapanti, ma andiamo con ordine:

Tutto è iniziato il 10 Ottobre 2019 quando mi è giunta la bellissima notizia di essere stato selezionato tra oltre 500 partecipanti da tutta Italia, ho fatto i salti di gioia e mi sono messo subito al lavoro per creare un dolce degno della gara semifinale. La torta che ho realizzato si chiama “Incontro tra i due Soli”, una torta in cui si incontrano ingredienti che provengono dal Sole della Sicilia e dal Sole del Sud America, in particolare i profumi del mango siciliano (di Fiumefreddo di Sicilia) e il buonissimo cioccolato Origins Costa Rica 64 realizzato da Belcolade.

La semifinale si è svolta in due giorni, il 13 e il 14 Novembre.
Ho fatto il possibile e mi sono divertito molto ma non avrei mai immaginato di farcela, con mio stupore pochi giorni più avanti mi comunicarono la mia avvenuta selezione per la gara FINALE.

La Finale

Il 30 Gennaio 2020 si è svolta la gara finale di questo bellissimo percorso, ho presentato la mia monoporzione “Dagala” , un dolce a base di mousse alla mandorla profumata alla cannella, cremoso al cioccolato Papua Nuova Guinea (sempre prodotto Belcolade) un cuore morbido di mango e banane di sicilia profumate con un liquore particolare, l’amaro Zagaro della distilleria F.lli Russo, per finire, una base di pistacchio croccante di Bronte su pan di spagna al cioccolato.

Monoporzione “Dagala”

La giuria era composta dai grandi nomi della pasticceria italiana, nonché Master Belcolade: Roberto Rinaldini, Davide Malizia, Sebastiano Caridi, Santi Palazzolo e Luigi Bruno d’Angelis. In giuria anche l’Innovation Center Manager di Puratos Italia Filip de Kimpe.

Nonostante io abbia dato il massimo non sono riuscito a vincere, ma quest’esperienza mi ha formato tanto, ho visto i migliori pasticceri d’Italia giudicare il mio lavoro, i miei dolci..e ne vado molto fiero, sono molto grato per quello che ho imparato, per il confronto con gli altri concorrenti e per l’opportunità che la vita mi ha concesso.

Biscotti a S esse morbidi

Questi sono i biscotti a esse morbidi che possono essere fatti sia con questa ricetta che con qualunque altra ricetta di panini morbidi o brioches.

Ingredienti:

  • 500 g Farina 00 o Manitoba
  • 70 g Zucchero semolato
  • 10/15 g Lievito di birra fresco
  • 50 g Strutto o Burro o Margarina
  • 125 g Latte
  • 125 g Acqua
  • 10 g Sale
  • Aromi: Vaniglia

Impastare farina zucchero lievito e 125 g di latte, aggiungere lo strutto e poi sale e aromi, per ultimo inserire l’acqua (la quantità è indicativa perchè le farine assorbono liquidi in quantità diversa in base alla marca e al tipo di farina che si usa).
Ottenere un bell’impasto liscio e omogeneo e riporlo in un contenitore coperto da pellicola trasperente per circa un’ora (dipende dalle temperature che abbiamo in casa) attendiamo quasi il raddoppio. Tiriamo fuori la pallina lievitata e la tagliamo in pezzi da 80/90 g e diamo una prima forma a filoncino e lasciamo riposare 2 minuti. Poi li prendiamo ad uno ad uno e diamo la forma a esse e li adagiamo su una teglia con carta forno e tappetino in silicone. Diamo un’altra mezz’ora/ 45 minuti di lievitazione (il tempo dipende sempre dalle temperature). Infornare in forno preriscaldato a 190°C per circa 15/20 minuti.

Fate raffreddare e glassate con il cioccolato che vi piace di più.

Conservare ben chiusi.

Qui vi lascio il link per vedere il video di come li abbiamo fatti in diretta sul nostro gruppo su Facebook

Importantissimo realizzare un impasto molto liscio onde evitare problemi di lievitazione.

Se vogliamo farli con lievito madre bisognerà sostituire il lievito di birra con 150 g di lievito madre in forze, ovviamente i tempi diventeranno più lunghi ed è impossibile darvi dei parametri perchè dipende da come sta messo il vostro lievito.

Come preparare il lievito madre

Torta Delizia al pistacchio

L’obiettivo di questa torta è di coinvolgere gli amanti del pistacchio, seguendo bene la ricetta e tutti i passaggi otterrete una torta delizia la pistacchio in grado di sfiorare le vostre emozioni grazie alla sua notevole scioglievolezza in bocca. Un deciso sapore di pistacchio ma elegante al palato che di certo vi darà grandi soddisfazioni a tavola con i parenti o amici.
Buon divertimento come sempre.

Ingredienti per circa 1 torta da 16/18 cm

Ingredienti per il pan di spagna pistacchioso:

  • nr. 2 Uova
  • 135 gr di zucchero
  • 50 gr di farina
  • 40 gr di pasta di pistacchio siciliano
  • 20 gr pistacchio in polvere fine
  • Scorza di limone grattugiata (q.b.)
  • Bacca di vaniglia (q.b.)

Procedimento:

Montare molto bene le uova con lo zucchero e la scorza di limone grattugiata, aggiungere delicatamente la pasta di pistacchio mescolando con un mestolo molto lentamente per non fare smontare il composto, aggiungere la farina e il pistacchio in polvere e mescolare sempre molto delicatamente fin quando il composto risulta privo di grumi e omogeneo. (non mescolare troppo altrimenti si smonta). Stendere su una teglia allo spessore di circa 1 cm – livellare bene e infornare a 190°C forno ventilato per circa 10-12 minuti fino a intensa doratura. Una volta freddo ritagliare dei cerchi con un coppapasta da circa 16 cm (con questa ricetta ne verranno di meno rispetto a quelli in foto)

Ingredienti per la bagna latte e fragole:

  • 100 gr di fragole
  • 20 gr di zucchero
  • 50 gr latte

Procedimento:

Macinare le fragole ben lavate e possibilmente bio, aggiungere gli altri ingredienti e macinare tutto insieme, scaldare fino a portare la bagna a 40°C

Ingredienti per il cremoso al cioccolato bianco e pistacchio:

  • 4 g colla di pesce “argento”
  • 50 g latte intero
  • 190 g panna
  • 120 g cioccolato bianco
  • 100 g pasta di pistacchio di sicilia

Procedimento:

Idratare la colla di pesce in acqua fredda, nel frattempo portare ad ebollizione il latte con la panna, versargli dentro il cioccolato bianco – la pasta di pistacchio e la colla di pesce ben idratata e strizzata dall’acqua in eccesso. Macinare e omogenizzare il tutto con un mixer a immersione. Conservare in frigorifero per una notte. Il giorno dell’utilizzo montare leggermente in planetaria.

Ingredienti per la glassa morbida al cioccolato bianco e pistacchio:

  • 350 g di cioccolato bianco
  • 200 gr di panna fresca
  • nr. 1 foglio di colla di pesce argento
  • 60 gr di pasta di pistacchio di sicilia

Procedimento:

Idratare la colla di pesce in acqua fredda e strizzare bene, adagiarla in una ciotola insieme al cioccolato bianco e alla pasta di pistacchio.
Portare la panna quasi ad ebollizione e colarla sul cioccolato bianco e pasta di pistacchio facendolo sciogliere bene. Perfezionare la glassa mixandola con un mixer a immersione. Utilizzare tiepida sulla torta ben congelata.

Montaggio della torta:

Adagiare il pan di spagna su un vassoio coperto di carta forno e bagnarlo abbondantemente con la bagna alle fragole. Farcire con la crema al pistacchio (i più golosi possono aggiungere anche un croccante di pistacchio).
Adagiare il secondo pan di spagna e applicare una leggera pressione, la crema che fuoriesce dai bordi spalmatela intorno alla torta, applicate altra crema sulla torta in modo da ricoprirla completamente cercando di farla piuttosto liscia e regolare…anche se poi con la glassa andremo a coprire eventuali imperfezioni.

Mettere la torta in congelatore per tutta la notte, glassare il giorno dopo utilizzando la glassa al cioccolato bianco e pistacchio riscaldata a 30°C in modo da essere perfetta per ricoprire la torta. Se la torta non è ben fredda la glassa non attaccherà bene, quindi glassate in fretta senza perdere tempo.

Decorate a piacere.
Conservare la torta per 30 minuti in freezer e poi in frigorifero come una torta qualsiasi.

https://www.dagala.it/wp-content/uploads/2020/05/AAAA.mp4

Consigli:

Per glassare bene assicuratevi che la torta sia ben congelata, non perdete tempo altrimenti verranno fuori dei difetti durante la fase di glassaggio.

Il cremoso al pistacchio non va montato troppo.

Potete inserire uno strato di croccante di pistacchi in mezzo alla torta per renderla ancora più golosa.

Preparate le basi della torta il giorno prima e il giorno dopo la montate.

Brioscie siciliane

Ricetta, domande frequenti ed errori da non fare.

L’arrivo dell’ estate segna la voglia di gelato di granite di vacanza al mare….ma sopratutto di BRIOSCIA CO TUPPU.
Ok ok direte che è meglio non esagerare visto l’elevato contenuto calorico, perchè una brioscia siciliana infatti ha un valore energetico che si aggira intorno alle 300/360 kcal per 100 grammi di prodotto (fonte), ma a noi poco importa, la colazione brioscia + granita è un vero e proprio rito specialmente per il SICILIANO D.O.C.

Qui in basso cliccando troverete la ricetta e il procedimento

RICETTA BRIOCHES / BRIOSCIE SICILIANE CON IL TUPPO

Qui di seguito trovate una serie di domande e risposte che vi consiglio di leggere per saperne di più e per aumentare le probabilità di riuscita della ricetta:

  • Le brioches devono lievitare tutta la notte?
    Se il giorno dopo vuoi alzarti dal letto e infornarle subito invece di alzarti presto e preparare l’impasto, SI, falle la sera prima e una volta data la forma e posizionato il tuppo mettile in frigorifero, il giorno dopo tirale fuori e falle lievitare, poi inforna normalmente.
  • Le brioches durante tutta la notte devono lievitare a temperatura ambiente o in frigo?
    In frigorifero, altrimenti rischi di trovarle eccessivamente lievitate e quindi acide.
  • Posso usare il burro? Posso usare la margarina?
    Si, lo strutto si può sostituire con margarina o burro nella stessa quantità indicata in ricetta.
  • Non ho la Farina Manitoba, posso usare una semplice “00” ?
    Si, ma le brioches non verranno come dovrebbero, inoltre la farina “00” assorbe meno liquidi rispetto a una Manitoba.

Durante il periodo di quarantena in molti abbiamo cercato di realizzare le brioscie col tuppo a casa anche solo per distrarci da questa situazione assurda.

In molti hanno seguito la guida presente in questo blog e ne vado molto orgoglioso, sono fiero di aver contribuito a rendere quanto più normali possibili le vostre giornate di quarantena;

adesso cerchiamo di dare un ulteriore contributo parlando dei fondamentali errori da evitare per la buona riuscita delle brioscie col tuppo.

Una serie di errori da evitare ma anche di consigli utili per avere una brioscia quanto più simile possibile a quella del bar.

Errore nr. 1 – LE BRIOCHES NON SONO LIEVITATE

Partiamo dal lievitino:

il lievito di birra va sciolto benissimo dentro l’acqua e tutti gli ingredienti vanno mescolati benissimo, una volta reso omogeneo il composto bisogna attendere almeno 20 minuti per proseguire con l’impasto finale.

Errore nr. 2 – IMPASTO RUVIDO NON ABBASTANZA LISCIO

Per non avere problemi di lievitazione e per evitare un colore “pallido” dopo la cottura è essenziale che:

  • l’impasto (anche impastato a mano) deve risultare molto liscio, morbido, omogeneo e privo di grumi.
  • Se l’impasto è troppo duro, è consigliabile aggiungere un pochino di acqua perchè la farine in base al tipo e alla marca assorbono quantità diverse di acqua.
  • Può risultare utile fare delle pieghe e fare riposare l’impasto in frigorifero per 30/60 minuti in modo che si rilassi e ci permetta di fare al meglio la forma delle brioches.

Errore nr. 3 – LE BRIOCHES PERDONO IL TUPPO DURANTE LA COTTURA

Cercate di far aderire bene il tuppo dentro le brioches praticando una fossetta abbastanza profonda in modo che possa trattenere dentro il tuppo senza lasciarlo “scappare” durante la fase di sviluppo in cottura.

Errore nr. 4 – TUPPO BRUCIATO MA LA BASE NO

Cercate sempre di tenere a mente che le ricette non vengono tutte al primo colpo.

Bisogna capire bene in quale posizione del forno conviene infornare le brioches…

perchè tutti i forni sono diversi e le ricette non possono indicare temperature e metodi di cottura infallibili.

ognuno di noi deve trovare il proprio metodo corretto seguendo le linee guida standard definite in ricetta.

Errore nr. 5 – LIEVITAZIONE NOTTURNA E CONGELAMENTO

In molti casi si effettuano lievitazione di tutta la notte a temperatura ambiente, non è una cattiva idea farlo, il problema sta nel fatto che potremmo perdere di vista la lievitazione, non dormiremo sonni tranquilli perchè abbiamo il pensiero delle brioches che potrebbero lievitare anche troppo diventando così acide e con un sapore sgradevole.

Il consiglio è di conservarle in frigorifero e farle lievitare il giorno seguente. Per quanto riguarda il congelamento non è consigliabilissimo farlo, si avrebbe una perdita di qualità, una mollica più ammassata e meno leggera, in alcuni casi anche una perdita anche nell’estetica, nel colore..nella morbidezza.

Insomma, dopo tutto il lavoro fatto per impastarle..congelarle e perdere qualità renderebbe inutile la fatica fatta.

QUI trovate la ricetta

QUI trovate il video

Cuore caldo pan di stelle

In primo piano

Ricetta e procedimento per realizzare un ottimo tortino dal cuore cremoso.
Sono sicuro che conoscete già questo fantastico dolce, chi invece oggi lo scopre per la prima volta impazzirà per la sua bontà, la difficoltà però sta nel gestire il momento esatto in cui tirarlo fuori dal forno perchè una cottura di un minuto più lunga rischia di cuocere troppo il tortino facendolo venire come un Muffin cotto anche al cuore e quindi si andrebbe a perdere l’effetto cremoso.

Ingredienti per circa 8 stampini per muffin (di carta argentata):

  • 4 uova medie
  • 150 g di zucchero semolato
  • 200 g di burro
  • 200 g di cioccolato fondente
  • 10 g di cacao
  • 30 g farina “00”
  • Una bacca di vaniglia
  • Zucchero a velo
  • Crema pan di stelle per farcire

Procedimento:

Imburrare benissimo gli stampini e spolverare anche con abbondante zucchero a velo (servirà ad agevolare l’uscita dei tortini dal contenitore, i tortini saranno mezzi crudi, è questo il loro segreto, per questo lo stampino va imburrato come si deve..altrimenti sarà facile romperli una volta capovolti).

Sciogliere il cioccolato e incorporare il burro morbido e la vaniglia, montare le uova insieme allo zucchero e aggiungere il tutto dentro il composto di cioccolato e burro mescolando delicatamente, aggiungere la farina e il cacao setacciati insieme e continuare a mescolare ottendendo un composto omogeneo. Colare il tutto dentro gli stampini.

Se avete fretta si possono infornare già da subito ma per ottenere un risultato migliore consiglio di mettere gli stampini per mezz’ora in freezer o 2 ore in frigorifero.

Ecco, ora la parte difficile è questa;

Cuocere in forno statico tra i 180 e 200°C per un tempo compreso tra 8 e 12 minuti, essendo i forni tutti diversi non posso darvi indicazioni precise, dovete regolarvi osservando l’andamento della cottura, appena il tortino avrà la base asciutta vuol dire che è pronto. Per non sbagliare, un minuto prima prendetene uno e uscitelo dal forno e controllate se la cottura può bastare, col tempo troverete il tempo di cottura esatto.

Per tutto il tempo della cottura cuocete lasciando il forno un pochino a spiffero, magari mettendo una pallina di carta stagnola tra lo sportello e il forno per lasciare un po di spazio per fare uscire l’aria.

Appena sformate i tortini con l’aiuto di una sac a poche riempiteli con la crema pan di stelle bucandoli dall’alto, chiudete con un Biscottino sopra, date una scaldata in microonde….e la magia è fatta. Potete anche non riempirli e lasciarli semplici, se la cottura è stata fatta bene avranno un ottimo cuore caldo al loro interno.

Savoiardi artigianali

Come preparare i fantastici Savoiardi, un classico intramontabile che ci permette di realizzare prelibatezze come il tradizionale e famosissimo Tiramisù.

Ricetta:

  • Albume di nr. 8 uova medie
  • Tuorlo di nr. 14 uova medie
  • 375 g di zucchero semolato
  • 75 g di miele riscaldato
  • 500 g farina “00” per biscotti
  • per aromatizzare – arancia o limone grattugiato e vaniglia
  • Q.B. Zucchero a velo

Procedimento (sotto ci sono foto e video):

Montare gli albumi a neve e poi aggiungere a poco a poco lo zucchero semolato, nel frattempo in un recipiente a parte bisogna mescolare i tuorli e sbatterli con il miele precedentemente sciolto in microonde (ancora caldo) fino a creare un composto omogeneo leggermente montato.

Unire i tuorli col miele e gli aromi ai nostri albumi montati e facciamo attenzione mescolando delicatamente con un mestolo di gomma dall’alto verso il basso evitando movimenti bruschi che possono smontare il composto. Setacciare la farina e aggiungerla al composto in più riprese sempre mescolando pianissimo e delicatamente dall’alto verso il basso.

Ora riempire il sac-a-poche e modellare i savoiardi su una teglia con carta da forno, finite il tutto spolverizzando zucchero a velo sui savoiardi.  

Infornate in forno statico preriscaldato a 220° per circa 7/9 minuti o fino a doratura completa, ponendoli nella parte alta del forno. Io li faccio leggermente più cotti del dovuto in modo da averli più asciutti dentro. Prima di tirarli fuori dal forno, spegnere il forno e lasciarli li dentro con lo sportello aperto per per qualche minuto.

Consistenza da ottenere a impasto ultimato

nota bene:

Ho usato questa quantità come dose minima perchè viene meglio a montare nelle piccole planetarie, io ne ho una da circa 4 litri.

Per una cottura ottimale ponete una pallina di carta argentata tra lo sportello e il forno in modo che rimanga leggermente aperto abbastanza da far passare uno spiffero di aria… servirà a togliere l’umidità in eccesso.

https://www.dagala.it/wp-content/uploads/2020/04/20200407_101943.mp4

lo zucchero va messo a poco a poco come nel video

https://www.dagala.it/wp-content/uploads/2020/04/Filmato.mp4
https://www.dagala.it/wp-content/uploads/2020/04/20200407_110124.mp4

Croissant au Chocolat

Ricetta:

800 gr farina 00 330w 

100 gr zucchero semolato

10 gr di sale

400 gr latte intero

50 gr burro morbido

40 gr lievito di birra

120 gr pasta al cioccolato per aromatizzare

Vaniglia e aromi

450 burro per sfogliare

Procedimento:

Realizzare l’impasto cercando di ottenere un composto liscio e omogeneo.

Fare riposare l impasto per 30 min a temperatura ambiente poi coprire con canovaccio umido e mettere in frigo per una notte. Laminare il burro da incasso a 5mm e riporlo in frigo. Il giorno dopo prendere il burro che abbiamo appiattito il giorno prima e lasciarlo a temperatura a ambiente finché non si ammorbidisce e siamo in grado di piegarlo senza che si spezzi, poi laminare l impasto dei croissant a 5mm. Dare una piega a 3 e una a 4 laminando sempre a 5mm.

Appiattire e conservare in frigorifero per un ora.

Dopo il riposo portare la pasta a circa 4mm di spessore e 35 cm di larghezza. Il triangolo del croissant deve essere lungo 35 e largo 8 cm.

Arrotolare il croissant.

Lievitare fino al raddoppio e infornare a 180°C per 20 minuti

Bignè alla panna e fragole

Un classico della pasticceria in un connubio perfetto tra panna e fragole, facciamolo insieme!

Ricetta pasta bignè di base:

  • 150 gr Acqua
  • 150 gr Latte
  • 255 gr Burro
  • 4 gr Sale
  • 225 gr Farina 00
  • 375 gr Uova fresche preferibilmente Bio

per la farcitura:

  • Panna fresca 250 gr
  • Zucchero semolato 70 gr
  • Fragole fresche (quanto basta)

Procedimento:

Preparare in una ciotola 225 gr di farina 00

Cuocere a fiamma bassa in una pentola capiente il latte con l’acqua il burro e il sale, aspettare che si sciolga piano piano il burro. Quando il burro si sarà sciolto aumentare la fiamma e portare a forte bollore, versare adesso la farina dentro la pentola bollente e mescolare energicamente con un mestolo.

Mentre mescoliamo la fiamma deve continuare ad essere alta finchè il composto non si amalgama perfettamente (ci impiegherà meno di un minuto quindi fate attenzione a non cuocere per troppo tempo). Abbiamo formato il classico “polentino” , spostiamolo subito fuori dal pentolino e mettiamolo sul tavolo pulito o su una teglia, dopo di che facciamolo raffreddare facendogli raggiungere 50/60°C mescolando orizzontalmente con un mestolo. Ora è il momento di mettere il polentino dentro la planetaria e iniziare ad aggiungere poco alla volta le uova, miraccomando è importante versarle a poco a poco mentre l’impasto sta mescolando dandogli il tempo di assorbirle.

Una volta ottenuto un bel composto liscio e morbido riempiamo una sac a poche e dressiamo i bigne su una teglia con carta forno. Cuocere a 180 °C per circa 25 minuti.

Ora montiamo 250 gr di panna fresca con 70 gr di zucchero semolato e se volete anche un po di estratto di vaniglia. Tagliamo i bignè a metà e dressiamo la panna al loro interno, prima di chiuderli aggiungiamo le fragole fresche tagliate a fette. Rifiniamo con una spolverata di zucchero a velo e….buon appetito!

Crostata di Frutta e crema frangipane alla mandorla.

Ingredienti per la pasta frolla

  • 125 gr di Burro
  • 300 gr di Farina 00
  • 140 gr di Zucchero
  • 60 gr di Uova medie
  • aromi (scorzetta grattugiata di arance e limoni, vaniglia)

Procedimento

Impastare tutti gli ingredienti insieme e possibilmente fare riposare l’impasto in frigo per una notte.

Ingredienti per il ripieno (crema frangipane alle mandorle)

  • 75 gr di Burro
  • 90 gr di Zucchero semolato
  • 90 gr di Farina di mandorle
  • 20 gr di Tuorlo
  • 65 gr di Uova

Procedimento

Mescolare il burro ammorbidito con lo zucchero semolato e aggiungere piano piano la farina di mandorle, a filo aggiungere le uova e il tuorlo.

Ingredienti per la crema pasticcera

  • 400 gr Latte intero
  • 100 gr Panna fresca
  • 150 gr Tuorli
  • 150 gr Zucchero
  • 18 gr Amido di mais
  • 18 gr Amido di riso
  • q.b Aroma Vaniglia Bourbon

Procedimento

Montare i tuorli con lo zucchero, aggiungere la bacca di vaniglia e infine gli amidi. Nel frattempo mettete a bollire in un pentolino preferibilmente antiaderente, il latte con la panna. Raggiunto il bollore, unire al latte la montata di uova e far cuocere per 1 minuto. Raffreddare il tutto il più velocemente possibile a bagnomaria acqua e ghiaccio.

Montaggio della crostata

  1. Ricoprire uno stampo per torte da 18 cm con la pasta frolla.
  2. Dressare sopra la frolla la crema frangipane e riempire lo stampo lasciando 1 cm sotto al bordo.
  3. Infornare a 170°C per circa 15/20 minuti fino a doratura completa.
  4. Dressare sulla torta fredda uno strato di crema pasticcera.
  5. Guarnire con abbondante frutta fresca a piacere coperta da gelatina neutra.

Fiore Integrale

Come già sappiamo le farine integrali sono molto più salutari delle farine come la “0” o “00” perchè hanno un alto contenuto di fibre e di caratteristiche utili al nostro organismo. In questa ricetta ti spiego come preparare delle ottime crostatine integrali decorate come se fossero un fiore.


Stampa

Fiore Integrale

Crostatina in pasta frolla integrale con zucchero di canna decorata come un fiore.
Preparazione 1 day
Chef Markodn

Ingredienti

  • 125 gr Burro
  • 275 gr Farina integrale
  • 130 gr Zucchero di canna
  • 75 gr Uova
  • q.b. Aromi (zest di agrumi e vaniglia)

Crema pasticcera

  • 400 gr Latte intero
  • 100 gr Panna fresca
  • 150 gr Tuorli
  • 150 gr Zucchero
  • 18 gr Amido di mais
  • 18 gr Amido di riso
  • q.b Aroma Vaniglia Bourbon

Crema pasticcera: Procedimento.

Montare i tuorli con lo zucchero, aggiungere la bacca di vaniglia e infine gli amidi.

Nel frattempo mettete a bollire in un pentolino, preferibilmente antiaderente, il latte con la panna.

Raggiunto il bollore, unire al latte la montata di uova e far cuocere per 1 minuto.

Raffreddare velocemente la crema in un bagnomaria di acqua e ghiaccio.

Pasta frolla integrale: Procedimento.

Tagliare il burro a dadini e metterlo in planetaria insieme alla farina, iniziare ad impastare. Appena il composto raggiunge una consistenza sabbiosa aggiungere lo zucchero di canna e tutti gli altri ingredienti, impastare e ultimare l’impasto.

Prima di essere utilizzata, la frolla andrebbe messa a riposo in frigorifero per una notte in modo da ottenere dei risultati migliori e un sapore più ricco.

Adesso è tutto pronto, prelevare dei pezzettini di impasto e ricoprire gli stampi, più sottili li facciamo e meglio è, alla fine mettere uno stampino dentro lo stampino con la pasta frolla in modo che durante la cottura la pasta frolla non si deformi troppo.

Cuocere a 160° C per 15-18 minuti.

Sformare e farcire con crema pasticcera per fari i petali ed un pochino di confettura di albicocche al centro. Guarnire con gelatina a caldo.

Se vuoi preparare la confettura in casa e vuoi scoprire come fare clicca QUI